Transardinia, in mountain bike sul Gennargentu

Traccia 2b- Dolianova - Monte Tronu- Variante Radical

  

Scarica il file gps

38 Downloads agg.4/2010

Vai alla mappa

 

Copyright 2013 © Transardinia .net 
transardinia logo

localita' di partenza 

distanza

dislivello

quota massima

tempo

ciclabilita'

grado

 asfalto

sterrato

mulattiera

sentiero  

test

voto

Dolianova

  29,2

858 mt

914 mt

2,5 h

100%

difficile

6 km 

23,2km

3,5 km

0,0 km

03/09

7

 

Ci vogliono freni buoni e riflessi pronti. Si tratta di una variante estrema della traccia 2 di Dolianova, il percorso è praticamente lo stesso sino a Genn' e Funtana .Qui dopo un paio di tornanti intercettiamo l'inizio in salita di una  mulattiera  ripidissima.

La traccia è da seguire in senso orario. Dal centro di Dolianova, seguire le indicazioni per le sorgenti ed il campo sportivo. Giunti a Piazza dei Lavoratori, lungo la via Armando Diaz, parcheggiare l'auto e, da qui prendere sulla sinistra la via Emilio Lussu. Uscire dal paese sul lungo rettilineo, che altro non è se non la strada provinciale che porta a San Nicolo' Gerrei . Dopo circa tre km e mezzo prendere a destra la sterrata che sale seguendo il corso del rio Maidana Manna, dopo poco si passa un ovile, piu' avanti, a 700 metri troveremo una sorgente in mezzo ad un boschetto di querce ed olivastri. Un ultimo strappo in salita e giungiamo alla sella dal nome esotico di "is cottis de is perdes arrubias" . Qui percorriamo un breve tratto lungo questa sella spoglia battuta dai venti per poi giungere a Sedda Is Cardias.e , successivamente, dopo aver evitato tutte le deviazioni sterrrate sulla sinistra arriviamo ai 900 metri  di Genn'e Funtana , presso la cima del Monte Tronu. Qui inizia la discesa per Sinnai che, dopo un paio di tornanti lasciamo, in corrispondenza di una mulattiera prima a destra, poi a sinistra in leggera salita.

Dopo aver scollinato, è meglio mettersi casco e protezioni, la mulattiera, una vera pietraia con pendenze al 20%, sprofonda nella valle verso Dolianova in pochi chilometri. Ci vogliono tecnica e coraggio per affrontare la difficile discesa e uscirne indenni. Arrivati al guado di un torrentello, la pendenza si addolcisce e finalmente le ruote riprendono a scorrere e i freni a raffreddarsi.

Attraversato un piccolo rimboschimento, apriamo un cancello verde e andiamo a destra sulla sterrata che ci riporta sulla sterrata Dolianova Sa Colonia. Qui andiamo a destra verso Dolianova, che raggiungiamo dopo circa 5 chilometri di rilassante pianura.

Aggiornamento: dopo il devastante incendio del 24/07/09 la metà circa dell'itinerario è stata distrutta dal fuoco, vedi post sugli incendi sul blog.